Medioevo Romanzo
Rivista semestrale

Home

Chi siamo

Direzione

Indici

Seminario

Norme

Diffusione

XXXIII 2009 - 1

MICHAEL RYZHIK, La proposizione nominale nelle traduzioni giudeo-italiane dei formulari di preghiera e della Bibbia, e in italiano antico [121-49]

Nell'articolo sono presentati alcuni aspetti della traduzione della frase nominale nei volgarizzamenti dei formulari di preghiera ebraici. Ci sono non pochi tratti che distinguono tra loro i volgarizzamenti italiani e giudeo-italiani, come l'uso del participio presente con valore verbale, che è diffuso nei volgarizzamenti italiani sotto l'influsso del latino ed è molto raro nei volgarizzamenti dei formulari di preghiera. Dall'altra parte, ci sono tratti, spiccatamente l'uso del solo congiuntivo nelle benedizioni, anche se rivolte verso Dio, e l'uso della terza persona nella frase relativa che è subordinata al pronome di seconda persona, che, almeno stilisticamente, e forse ideologicamente, sono caratteristici o esclusivi per i volgarizzamenti realizzati dagli ebrei. Importante sembra anche la differenza nell'uso della copula nelle proposizioni nominali tra le parti della Vulgata e della Bibbia Volgare per cui esiste originale ebraico e le parti per cui non esiste tale originale, specialmente sullo sfondo degli usi registrati altrove in Italia.


Some aspects concerning the traduction of the nominal phrase in the Jewish Italian prayer books are discussed in this article. There are some traits, that clearly distinguish the Jewish Italian volgarizations frome their Christian counterparts, for example the use of the present participle as a verb, which is commonly used in the Christian traductions because of the Latin influence, and which is extremely rare in the Jewish ones. There are also traits which are exlusive for the Jewish Italian volgarizations, such as the use of the congiuntive in the benedictions revolted to the God, and the use of the verb at the third person in the relative phrase which is subordinated to the pronome at the second person. Specially important seem to be the differences in the use of the copula in the nominal propositions between the parts of the Vulgata and of the Bibbia Volgare which have and have not the Hebrew original.

Letto 122 volte

Sede

Indirizzo postale:
Prof. Lino Leonardi
Medioevo Romanzo
c/o Fondazione Franceschini
Via Montebello, 7 - 50123 Firenze
 
direzione@medioevoromanzo.it